• Stampa

dal PIANO OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015/2016

  1. 4.PUNTI DI FORZA DELL’ISTITUTO

 4.1 Consiglio Comunale dei Ragazzi

 Il Consiglio Comunale dei Ragazzi nasce come organismo di educazione delle nuove generazioni alla democrazia, alla partecipazione e all’impegno nella comunità di vita.

Attraverso di esso i ragazzi hanno l’opportunità di trovarsi in un contesto in cui è possibile esprimere opinioni, confrontare idee, discutere liberamente, nel rispetto di regole condivise, collaborare al fine di individuare e suggerire soluzioni a problemi che interessano il territorio in cui vivono.

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi, si inserisce nel quadro dell’educazione attiva ai principi e ai valori fondamentali sanciti dalla Costituzione repubblicana e consente agli alunni di allenare in tutta la loro globalità le competenze chiave di cittadinanza.

 Destinatari: classi 4^ e 5^ della Scuola Primaria e tutte le classi della Scuola Secondaria di I grado dell’Istituto.

Finalità

  • Accrescere le opportunità per una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza dei diritti e dei doveri verso le istituzioni e la società.
  • Sollecitare negli studenti una maggiore consapevolezza del senso di responsabilità e una più spontanea disponibilità alla collaborazione e alla creazione di rapporti positivi con gli altri.
  • Favorire l’interiorizzazione di una coscienza civile e sociale.

4.2 Certificazione Trinity

 La scuola propone la possibilità di partecipare all’esame “Trinity” per ottenere la certificazione internazionale delle proprie competenze orali nella lingua inglese rilasciata dal “Trinity College London”. Tale ente certificatore, con sede in Inghilterra, sarà il referente online della nostra scuola e invierà un Commissario nella sede di Piegaro, che diventerà centro esami Trinity.

I livelli del Trinity sono in totale dodici e di solito si effettuano: primo livello nella scuola Primaria, secondo livello in I classe della Scuola Sec. di I grado, terzo livello in II classe della Scuola Sec. di I grado, quarto livello in III classe della Scuola Sec. di I grado; iscriversi alla prova di un livello non implica la necessità di aver sostenuto gli esami dei livelli precedenti.

La preparazione all’esame avviene attraverso lo svolgimento del programma annuale di classe con l’aggiunta di lezioni con un docente madrelingua in prossimità dell’esame.

 Destinatari: Alunni interessati della classe 5^ della Scuola Primaria, alunni interessati della Scuola Secondaria di I grado.

 Finalità

Acquisire una mentalità aperta verso nuove culture.

Aumentare la motivazione nello studio della lingua inglese.

Prepararsi ad affrontare un esame.

Ottenere una certificazione internazionale delle proprie competenze orali nella lingua inglese.

 4.3 Smart Future

Nell’Anno Scolastico 2013-2014 il nostro Istituto è risultato tra le 25 scuola italiane scelte per l’avvio della sperimentazione, tuttora in corso, legata al progetto Smart Future promosso dalla Samsung in collaborazione con il Cremit (Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’informazione e alla Tecnologia) e con le Università di Perugia e di Lecce.

Grazie a tale progetto, la scuola ha ottenuto una fornitura Samsung di e-board e tablet per una classe (attuale III B della scuola Secondaria di I grado) e ha avviato una formazione per i docenti sull’utilizzo di una metodologia didattica innovativa basata sulla flipped lesson. L'uso delle TIC in aula si presenta come un’opportunità significativa per gli allievi per favorire la qualità del percorso e del risultato scolastico, per rendere la scuola più inclusiva ma anche per promuovere l'acquisizione delle competenze digitali richieste dalle Raccomandazioni del Parlamento europeo e del Consiglio (2006/962/CE) tra le Competenze chiave per l’apprendimento permanente.

Destinatari: gli alunni della classe III B della scuola Secondaria di I grado.

Finalità

  • Promuovere l’acquisizione delle competenze digitali.
  • Mettere in atto una metodologia (flipped lesson) coinvolgente e di forte impatto inclusivo.

4.4 Recupero

 Attività di recupero, consolidamento e potenziamento vengono effettuate da tutti i docenti, qualora se ne mostri la necessità, durante l’orario curriculare e per tutta la durata dell’Anno Scolastico, ma il nostro Istituto, da sempre attento ai differenti bisogni degli alunni, offre agli studenti un ulteriore tempo di recupero per l’Italiano e la Matematica.

Due volte l’anno, in prossimità della fine del I e del II quadrimestre ma in tempo utile per dare la possibilità agli allievi di recuperare, vengono organizzati in orario extracurriculare pomeridiano incontri con i docenti delle rispettive discipline finalizzati all'acquisizione di un metodo di studio, al recupero e al rafforzamento delle abilità linguistiche e logico-matematiche di base.

Destinatari: alunni della Scuola Secondaria di I grado che ne mostrino necessità.

Finalità

  • Colmare lacune di base e recuperare difficoltà linguistiche e matematiche.
  • Ridurre lo stato di disagio degli allievi con carenze nella preparazione di base.
  • Migliorare il metodo di studio.
  • Sviluppare le capacità di osservazione, di analisi e di sintesi.
  • Acquisire crescente fiducia in se stessi e nelle proprie possibilità.
  • Accrescere il grado dell'autonomia nell'esecuzione di produzioni scritte e orali.

 

4.5 Giochi Matematici

 Il nostro Istituto offre l’opportunità agli studenti della Secondaria di I grado di partecipare in modo facoltativo ai Giochi matematici d’autunno, ai Campionati internazionali di giochi matematici e ai Giochi di Rosi organizzati dal Centro PRISTEM Università Bocconi di Milano; le gare consistono in una serie di giochi matematici (quali problemi, domande, quesiti graduati nella loro difficoltà in funzione alla categoria di appartenenza) che gli studenti devono risolvere individualmente (o a squadre nei Giochi di Rosi) in un tempo stabilito.

L’esperienza si presenta come un’ulteriore occasione per avvicinare gli allievi alla cultura scientifica e per presentare la Matematica come un gioco stimolante in grado di attivare capacità di riflessione e ragionamento. In particolare si tende a sviluppare la competenza matematica generale, nonché quella nel calcolo e nella stima, con le forme del piano e dello spazio, nella soluzione di problemi in contesti diversi valutando le informazioni, la loro coerenza e l'utilizzo di procedimenti diversi ed “eleganti”, anche in situazioni aleatorie.

I Giochi matematici vogliono essere un’occasione per mettere in atto un insegnamento che risulti più stimolante ed efficace per gli alunni e contemporaneamente li aiuti ad acquisire la capacità non solo di applicare regole e ripetere procedimenti, ma soprattutto quella di pensare in modo autonomo.

 Destinatari: alunni della Scuola Secondaria di I grado.

 Finalità

  • Potenziare la capacità di attenzione e concentrazione.
  • Sviluppare la capacità di comprensione di testi verbali e non.
  • Imparare a vedere oltre il calcolo e le formule.
  • Motivare gli studenti attraverso un approccio alla matematica basato su logica e intuizione. 
  • Porre gli studenti in situazioni diverse dall'ambiente di apprendimento scolastico.
  • Proporre attività divertenti che stimolino un sano clima di competizione.

 4.6  Miglioriamo lo stile di vita dei bambini umbri

 Il progetto si colloca all’interno del Programma “Vita da sani” del Piano Regionale di Prevenzione 2014 – 2018 della Regione Umbria; l’iniziativa è volta a promuovere l’attività fisica e la sana nutrizione attraverso l’inserimento di due ore di attività motoria al fine di ridurre la percentuale dei bambini obesi. La presenza di un operatore specializzato “esperto” (Laureato in Scienze Motorie) per due ore a settimana, per l’attuazione del curricolo di Educazione Fisica, rappresenta una risorsa qualificata e gratuita per la Scuola, essendo il costo a carico della Regione.

Finalità

  • Promuovere l’attività fisica e la sana nutrizione al fine di ridurre la percentuale di bambini obesi

Destinatari: classi 1^ del della Scuola Primaria, classi 1^ e 2^ del plesso di Castiglion Fosco (in pluriclasse con la 1^).

 4.7  Un tempo scuola per me

 “Lui mi disse che se sei un gabbiano e vivi in mezzo ad altri gabbiani sei normale. Se sei un gabbiano e vivi in mezzo ai cavalli non sei normale. La normalità non dipende da te ma dalle persone che ti circondano”. (Da “Come Gengis Khan, diario di Paolo, un ragazzo diversamente dotato”).

Un tempo scuola per me è un progetto formulato dal nostro Istituto per consentire percorsi differenziati e flessibili in relazione all’organizzazione oraria e disciplinare per alunni con Bisogni Educativi Speciali o che ne evidenzino la necessità.

Nell’ambito di tale progetto la scuola mette a disposizione dell’allievo un tempo scuola adeguato alle esigenze individuali dell’alunno (con, ad esempio, svolgimento del solo orario antimeridiano da parte dell’allievo) ed i docenti hanno la possibilità di effettuare ore aggiuntive per lavorare in compresenza nella classe e rendere possibili attività a piccoli gruppi, di livello o di apprendimento cooperativo, che consentano percorsi formativi efficaci e di successo per ogni allievo.

Il progetto, condotto secondo modalità diverse a seconda delle esigenze individuali dell’alunno, sarà sottoposto a verifiche e valutazioni periodiche da parte dei docenti e dell’equipe psico-pedagogica di riferimento che potranno confermare o pianificare variazioni del tempo scuola e delle ore dedicate al progetto.

 Destinatari: alunni dell’Istituto che ne mostrino necessità.

Finalità

  • Consentire percorsi curriculari differenziati e progetti individualizzati per alunni con esigenze speciali a vantaggio dei bisogni e delle specificità di ciascuno
  • Valorizzare al massimo ogni contributo personale e realizzare per tutti un percorso formativo di successo